venerdì 13 aprile 2018

ARCA 2000 A RAI TRE- 2003

 TRASMISSIONE "ANIMALI E ANIMALI"  - 2003 


sabato 31 marzo 2018

tavolo informativo pasquale

Un tavolo di Arca 2000 è stato allestito in Piazza Kursal a Grottammare (Ap) il 29 marzo in occasione delle festività pasquali per sensibilizzare contro l'uccisione dell'agnello e la malasanità animale. Un sentito grazie ai volontari che prestano il loro tempo per una giusta causa.Chi volesse collaborare può contattarci al nostro indirizzo mail: arcanimali@tiscali.it 
Lamentarsi non serve se non agiamo in prima persona per un mondo con meno ingiustizia e meno dolore per tutte le creature viventi vittime dell'ignoranza e della violenza umana.




domenica 25 marzo 2018

Lezioni di educazione animalista a scuola

Ringraziamo una nostra socia e insegnante di una scuola primaria di Montecatini Terme (Pt) che ci ha inviato alcune immagini dei temi svolti dai suoi alunni sulle lezioni di educazione animalista svolte in  classe. Sicuramente un esempio da seguire, a fronte di numerose scuole dove l'argomento è  considerato irrilevante se non  sconosciuto. Noi ci auspichiamo che  diritti degli animali diventino una  materia obbligatoria nei programmi scolastici e i docenti siano preparati  a tenere lezioni su temi come: circhi, zoo, delfinari, pellicce, randagismo, malasanità animale e quant'altro...Educare ad una visione biocentrica della vita è importante e le scuole devono impegnarsi in tal senso. Purtroppo riscontriamo che tra molti insegnanti c'è una totale ignoranza di tali argomenti. Abbiamo notato che in alcuni POF scolastici (piani offerta formativa) sono previste gite scolastiche allo zoo o presso acquari e delfinari. Inoltre, spesso i circhi con animali invitano le scuole ai  loro spettacoli. Educare e informare i bambini a guardare con altri occhi gli animali chiusi in recinti o vasche,  significa sviluppare  una coscienza di rispetto per le forme di vita diverse dalla nostra, rifiutando la mercificazione degli animali in ogni campo. 
Le insegnanti che vorranno spedirci le loro testimonianze di educazione animalista nelle scuole possono inviare a: arcanimali@tiscali.it
Saremo lieti di pubblicarle nel nostro sito e pagine social.... 


lunedì 12 marzo 2018


Il problema della malasanità animale è ancora troppo sottovalutato anche dagli amici degli animali. Eppure gli animali muoiono ogni giorno per cause veterinarie e sono decine e decine le richieste di aiuto di moltissimi familiari di animali che si rivolgono alla nostra associazione. Forse se mettessimo la foto di una animale agonizzante per colpa di un veterinario che non lo ha curato in tempo o ha sbagliato una terapia, qualche coscienza si sveglierebbe. Purtroppo la nostra società malata percepisce i problemi solo quando vede sofferenza, lacrime e orrore!!! D'altra parte siamo tutti vittime dell'audience splatter della tv del dolore. Ma il dolore è anche quello che accade lontano dai nostri occhi... Non sarebbe ora di scegliere un modo diverso di essere persone consapevoli, civili e umane?

sabato 24 febbraio 2018

PIATTAFORMA ELETTORALE ANIMALISTA

VOTIAMO ANCHE PER I LORO DIRITTI 

Premesso che l'associazione Arca 2000 diritti dell'animale malato è assolutamente apolitica e apartitica, è comunque importante e necessario informare gli elettori che hanno a cuore la sorte dei nostri amici animali, che la tutela dei loro beniamini passa anche attraverso le leggi che vengono deliberate in parlamento.  La nostra associazione da sempre impegnata contro la malasanità animale si sta battendo da anni per ottenere una legge che obblighi i veterinari a tracciare il proprio operato tramite cartelle cliniche e refertazioni scritte perché i nostri amici animali non sono esseri di serie "b" ma esseri viventi e senzienti quindi soggetti di diritti.
Ottenere per i veterinari i medesimi obblighi di legge che esistono per i medici delle persone è importante per porre fine alla imperizia e negligenza che causa  numerosi casi di malasanità animale, attualmente destinati a rimanere impuniti. Per approfondimenti vedere il nostro sito www.arca2000.it
Per questo in occasione delle prossime elezioni per il rinnovo del Parlamento è stata inviato un invito alla totalità dei parlamentari uscenti e ricandidati anche per le prossime elezioni, affinché il problema della malasanità animale sia considerato in un disegno di legge ad hoc nella prossima legislatura. 
Il quesito posto è stato il seguente: " in occasione delle prossime elezioni politiche stiamo invitando tutti i politici sensibili alle tematiche animaliste a valutare un proprio impegno contro la malasanità animale. E' d'accordo sul fatto  che ai medici veterinari devono essere applicate le stesse normative dei medici per umani in tema di tracciabilità e consenso informato? 
rendiamo noti i nominativi di coloro che hanno risposto positivamente tra tutti gli interpellati:
Vittorio Ferraresi (M5S) - Candidato alla Camera dei Deputati  Modena e Ferrara
Michele dell'Orco (M5S) - Candidato alla Camera dei Deputati  collegio uninominale di Sassuolo
Arianna Spessotto (M5S) - non ricandidata
nessuna risposta da Brambilla (FI)  e Amati (PD)...









sabato 17 febbraio 2018

LA DISEDUCAZIONE ANIMALISTA NELLE SCUOLE

Negli odierni piani di studio scolastici manca completamente l’educazione animalista. Si tratta di un vuoto intollerabile che denota la scarsa considerazione dell’attuale Ministero della Pubblica Istruzione (MIUR) riguardo ad una materia importante per la formazione di un’etica biocentrica nelle future generazioni.  La maggior parte degli studenti, di ogni ordine e grado, ignora molte realtà sui maltrattamenti animali, abbiamo anche registrato episodi deprecabili di vivisezione didattica nelle aule scolastiche promosse dagli stessi insegnanti. Per non parlare dell’abitudine di taluni insegnanti di portare in classe animali come: conigli, pulcini, uccellini e pesciolini chiusi in contenitori angusti, per scopi ludici o pseudo scientifici. Cosa dire, poi, dei capi con cappucci e colli in pelliccia indossati da adolescenti e bambini?
Nessuno si pone il minimo interrogativo etico, gli animali sono oggetti al servizio dell’uomo. Un concetto,  molto antropocentrico, che qualsiasi persona civile deve ripudiare.
In molte scuole, soprattutto primarie (dell’età evolutiva) gli insegnanti non hanno la minima formazione e sensibilità animalista ed è  quasi la regola trovare gite e uscite scolastiche in zoo safari, delfinari, acquari programmate nei piani triennali di offerta formativa come attività di valenza istruttiva e culturale (PTOF)
Naturalmente si tratta di iniziative discutibili e diseducative, in quanto gli animali sono mostrati in condizioni incompatibili con la loro natura. Ed è proprio nelle scuole che i circensi , i gestori di delfinari, acquari e zoo trovano i loro maggiori visitatori. Arca 2000 vuole dare il via ad una iniziativa importante, raccogliendo i nominativi delle scuole che hanno incluso nel loro POFT (Piano triennale di offerta formativa) gite e uscite scolastiche in zoo, circhi, delfinari e acquari per dare il via ad una periodica protesta di denuncia. Attenzione: gli zoo safari, dove gli animali vivono in recinti, non sono meno deprecabili di quelli che tengono gli animali in gabbia.
COSA POTETE FARE VOI? Segnalateci gli Istituti scolastici che promuovono questo genere di gite. Inviateci come prova un estratto del PTOF che si può trovare nel sito di ogni scuola. Se siete genitori di studenti, inviateci una documentazione dettagliata di questo genere di gite proposte dalla scuola dei vostri figli. Periodicamente organizzeremo delle mail bombing per invitare i dirigenti scolastici e gli insegnanti a fare altri tipi di scelte più rispettose ed educative verso gli animali, affinché gli studenti siano messi al corrente della realtà che si nasconde dietro quei luoghi di prigionia e sofferenza animale.  Questa iniziativa sarà un’occasione per ricordare a coloro che hanno l’importante compito di educare le future generazioni,quanto sia importante insegnare a guardare gli animali da un’altra prospettiva, come esseri senzienti e viventi e non come oggetti di divertimento.
Aspettiamo le vostre segnalazioni. Scrivete a: arcanimali@tiscali.it